top      
 

Home Page

 

 

 

Con il termine "biocombustibili" si indicano tutte le sostanze idonee ad essere utilizzate nei processi di combustione e ottenute da prodotti vegetali, quindi rinnovabili su base annuale (es.: colture oleaginose) o poliennale (es.: colture forestali). Possono essere liquidi solidi o gassosi. I biocombustibili liquidi sono particolarmente interessanti e, allo stato attuale della tecnica, sono sostanzialmente due: alcool e oli. Il primo può essere eventualmente trasformato in ETBE, un composto idoneo ad essere miscelato nella benzina senza eccessivi problemi; i secondi si prestano ad essere trasformati in esteri, ormai comunemente denominati "biodiesel", e hanno caratteristiche molto simili al gasolio.

Le principali ragioni sono: sicurezza nell'approvvigionamento, stabilità dei loro prezzi, protezione dell'ambiente, sostegno delle zone rurali.

Sicurezza nell'approvvigionamento e stabilità dei prezzi. L'Unione Europea (UE), e in modo particolare l'Italia, è fortemente dipendente da terzi dal punto di vista energetico: circa il 50% dell'energia proviene da paesi ad alta instabilità sociale e politica (l'85% per l'Italia). Di fatto, nel "White paper on an Energy Policy for the European Union" del 1996, viene ribadito che "devono essere messi a punto, a breve termine, strumenti per supplire alle interruzioni delle forniture di combustibili ...la Commissione ricorda l'importanza di tali misure". In aggiunta, i biocombustibili forniscono maggiori garanzie di stabilità dei prezzi di produzione, essendo meno sensibili ai fattori economici dettati dai mercati internazionali che, nel passato, hanno indotto repentini incrementi dei costi del petrolio.

Protezione dell'ambiente. L'uso dei biodiesel, se comparato con quello dei combustibili di origine fossile, permette la riduzione delle emissioni gassose prodotte dai motori e ritenute pericolose per la salute. Inoltre consente l'azzeramento del bilancio dell'anidride carbonica. Infatti, la CO2 prodotta durante la combustione di una certa quantità di biodiesel è riutilizzata dalla fotosintesi dalle colture destinate alla sostituzione della medesima quantità. In questo modo, il contenuto di anidride carbonica presente in atmosfera non cambia e vengono limitati tutti gli effetti oggi provocati dai cosiddetti "gas serra" (aumento della temperatura media del globo).

 

Torna a inizio pagina


Torna alla Home Page BioFOX